Racconti


Liù Angela Mi è arrivata stamattina una cartolina dal Giappone, da Kyoto, porta la data del 13 giugno 2015, ha impiegato esattamente una settimana per venire recapitata. Rappresenta un paesaggio scontato, ma é una foto bellissima, un po’ evanescente: un ponticello su un laghetto e una pagoda seminascosti da alberi […]

Liù di Rita Tavano


Ci vuole coraggio per amarsi, lo diciamo tutti, ma ognuno di noi ha una propria interpretazione. Secondo me il coraggio è fatto di tanti piccoli sogni e di tanto ottimismo. Di tanta ostinazione, soprattutto, e della voglia di non doversi ferire più, di combattere una volta per tutte per liberarsi. […]

Una promessa a me stesso.




Non ci ho mai creduto, nemmeno per un momento, neppure quando mia sorella mi mostrò la prima pagina del giornale. Ale era l’unico amico che avevo a quell’epoca e, anche ripensandoci oggi, non posso che definirlo l’unico vero amico che io abbia mai avuto. Ci aveva presentati Serena un sabato […]

Il mio unico amico


L’estate mediterranea splendeva sulle terre. A S.Secondo la grande pineta che si estendeva lungo il mare profumava di resina ombreggiando le case e le villette aperte per la stagione. Una brezza leggera da ponente. Nell’azzurro profondo il sole accecante faceva brillare le increspature delle acque. Nel silenzio del primo pomeriggio […]

MARCO di Francesco Erre


“… ha accettato cose che non andavano accettate” chiuse la telefonata con un  nodo alla gola, stava peggio di prima e non aveva ottenuto nemmeno un appuntamento ma un “mi richiami sotto le feste”. Le lacrime scendevano copiose sul volto ma la gran parte le ingoiava, nutrendo così anche lui […]

Il piccolo Buddha




“È Remì, guarda Alice!” lo aveva appena scartato. La morbida carta regalo rossa e verde con gli alberelli di natale, le renne e i caminetti fumanti su un’immensa distesa di neve le facevano pensare alla Lapponia il paese di babbo Natale anche se non c’era mai andata. Sì che di […]

Una sera di Natale


Incontrario di Alessia Barbagallo Ecco il re è arrivato! La sfilata storica del 1° maggio 3011, come ogni anno prevede l’ingresso trionfale del re  in camice a righe che fa la sua uscita regale a suon di sonori pernacchi e sputi al suo passaggio.  Nel paese dell’Incontrario ogni anno si […]

Incontrario




La barba il sabato mattina presto. Ed un’aggiustatina ai capelli: ci sono dei riti a cui non saremmo capaci di rinunciare, mai. Pietro avrebbe avuto serie difficoltà ad affrontare l’ennesimo fine settimana da pensionato senza la carezza gentile del rasoio del suo amico di una vita. Pensionato, diciamo pure forzatamente […]

Servizio Accurato


QUESTO RACCONTO E’ QUASI SICURAMENTE SCRITTO ABBASTANZA MALE, NON HO BADATO ALLA CONSECUTIO TEMPORUM MALGRADO GLI STUDI, FORSE NON HA TUTTO STO SENSO MA E’ FRUTTO DELLA MIA FANTASIA, E’ FIGLIO DI TUTTE LE SERIE CHE HO VISTO ED I LIBRI CHE HO LETTO. SAREBBE BELLO LEGGERLO CON LA COLONNA […]

Ostility Vanchiglia



Ho sempre sognato questo momento, mi sono impegnata così tanto e con sempre impressa nella mente la fotografia di come sarebbe stata la mia prima volta, dove l’avrei fatto, con chi, cos’avrei detto e come sarei stata giudicata, si sa’, per qualsiasi cosa, come la pensi, come ti muovi, come […]

Il suo momento


Il giardino tondo nella piazza tonda. Alberi grandi fitti ombrosi. Oscurità nella giornata luminosa. Al centro il parchetto giochi. Mamme, nonne, papà giovani, bambini, urletti e risate. Il ragazzo sta nell’ombra fra giochi e marciapiede. Alto, magro, berretto rosso da baseball, maglietta gialla con teschio nero, pantaloni militari mimetici con […]

Trip


“ Non c’è posto migliore del centro per ricominciare, ovunque tu decida di andare, a destra o a sinistra, sarai comunque a metà strada. ” Era la solita serata tranquilla all’ultimo piano lato cortile di via Vanchiglia. Superga mi fissava pigra e colpevole adagiata sulla collina di Torino. Come ogni […]

Ricominciare



La melodia scorreva, naturale come gocce di pioggia che rotolano sugli scogli fin nella marea schiumosa, le sue dita si muovevano agili sulle corde della chitarra. Stava suonando un pezzo blues, uno di quei pezzi che nelle parole raccontano di amori distrutti dal destino avverso, che parlano di un uomo […]

Fuori tempo


Gigio camminava lento lungo le vie del quartiere. La tirava per le lunghe prima di rientrare nella sua piccola, oscura, soffocante mansarda all’ultimo piano di via Vanchiglia 18. Camminava leggermente curvo, con passo strascicato; dondolava il braccio sinistro portando una borsa di plastica, mentre col destro sembrava aggrapparsi alla vecchia […]

Uva fragola


Erano soliti incontrarsi lì, in quella piazza rotonda. Non c’era un motivo particolare ma era il loro luogo segreto. Non che fosse particolarmente tranquillo anzi, era un via vai di gente. Chi portava il cane a fare la pipì, chi attraversava la piazza di corsa e chi portava i propri […]

La piazza rotonda



Probabilmente a causa dell’età ormai mi sveglio sempre molto presto e, aprendo gli occhi, mi piace crogiolarmi un pochino nel letto osservando ciò che filtra attraverso le fessure delle tapparelle per cercare di indovinare che ora è. Questa mattina non mi giunge il vociferare degli ultimi avventori dei locali notturni… […]

La piazza che vorrei


Enrico era un ottimista, uno di quelli veri. Non un patito di new age o uno di quelli che si imbellettano di filosofie orientali per poi sputare sul balcone del vicino. Lui la vedeva davvero sempre rosa la vita. Viveva in un quartiere giallo e grigio, sporco di polvere e […]

Tutta colpa del fado